venerdì 27 marzo 2009

Formaggella Fresca

Formaggella Fresca

Ho avuto la fortuna di trovare il latte fresco, quello del dispenser che si trova proprio accanto alla stalla. Che ve lo dico a fare? Un latte dal sapore unico! Ne ho prese diverse bottiglie e con una parte ho fatto una bella formaggella fresca. Era la prima volta che facevo il formaggio perciò ho scelto una ricetta semplice. Non avendo le fuscelle ho utilizzato come "mezzo di fortuna" un piccolo colapasta che ha fatto degnamente la sua funzione. Con grande soddisfazione sono riuscita ad ottenere una formaggella fresca di buona consistenza,  dal gusto delicato, che ho condito con della profumatissima erbetta cipollina che mi sono portata dall'Alto Adige e dell'ottimo olio extravergine d'oliva toscano. Per quanto riguarda il caglio invece grande fortuna perché l'ho trovato al primo colpo direttamente nella farmacia accanto a casa. Insomma come inizio mi reputo decisamente soddisfatta grazie anche ai preziosi consigli del sito Faromagio che vi consiglio di leggere attentamente se intendete lanciarvi anche voi in questa esperienza casearia.


Formaggella Fresca
dal sito Faromagio: il Formaggio fatto in Casa



Ingredienti e Preparazione
Portare 3 litri di latte a 37 gradi. Aggiungere mezzo cubetto di lattoinnesto oppure 1 cucchiaino di yogurt stemperato ne latte tiepido, quindi rimestare bene. Incoperchiare, incopertare la pentola ed attendere 20 minuti, quindi controllare la temperatura e se necessario riportare a 37 gradi. Aggiungere 0,3 ml di caglio (se ne mettete un po' di più non fa niente) disciolto in un poco d'acqua (possibilmente non clorata). Aggiungete un poco di sale fino (all'incirca un cucchiaino scarso) e rimestare bene. Reincoperchiare, reincopertare e attendere la cagliata (circa un'ora). Rompere la cagliata con un cucchiaio di legno riducendo i grani alla dimensione di una nocciola, quindi lasciate spurgare per una mezz'oretta. Con un mestolo trasferite la cagliata nelle fuscelle. Mettere le fuscelle a sgocciolare sul lavandino per un'oretta, quindi potete trasferirle su un piatto. Coprirle con una pellicola trasparente e metterle in frigo. Potete farle "maturare" sino ad un paio di giorni ma, liberate il piatto dal siero man mano che si forma. Ora del formaggio ne fate quello che volete. NON buttare il siero che andrà a formare il sieroinnesto per la vostra prossima produzione casearia.




N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi in tutto o in parte e delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

24 commenti:

  1. buone le tue formaggelle. Anche a me piace pasticciare con il latte e fare formaggi. ciao un bacio

    RispondiElimina
  2. Ma che brava...pure il formaggio in casa!! Il tuo libro lo evo assolutamente prenere...son sicura che mi piacerebbe un sacco, scrivi troppo bene!! :))

    RispondiElimina
  3. E brava! io non ci riuscirei di sicuro a farla!
    Baci

    RispondiElimina
  4. @ Ines ma veramente???? Allora se mi servono info so a chi rivolgermi :-)

    @ Laura visto che avevo il latte buono ho voluto provare l'impresa :-)

    @ Federica è veramente semplicissimo! Parola di lupetto!!!!

    RispondiElimina
  5. Mamma mia, forse ho letto in fretta ma mi sembra complicatissimo. Domani, quando sarò più fresca me lo rileggerò con più calma e, magari, proverò a farlo.

    RispondiElimina
  6. @ Aldarita è molto ma molto semplice, fidati ;-)

    RispondiElimina
  7. ma sei eccezionale, ma dove lo trovi tutto il tempo necessario per fare tutte quelle splendide cose?
    un bacione grosso e buon fine settimana!
    a proposito, augurissimi al piccolino, mi sono persa il compleanno!!!! dagli tanti bacini da parte mia!!!!!

    RispondiElimina
  8. Che brava! ho provato una volta afare qualcosa del genere ma non è uscito niente di buono... penso che il latte che usi tu sia moooooltoooo più saporito più adato a queste preparazioni!
    bacio
    Silvia

    RispondiElimina
  9. @ Mammadeglialieni ma ciaooooo!!! Ci sono giorni che vado a 1000 e faccio una marea di cose a latre che me ne sto sprofondata sul divano per tutto il giorno... ahahahahahah Pure tu però in quanto a superenergie tutto fare mica scherzi!!!!

    @ Furfecchia io avevo provato una volta con il latte preso al super ed era venuta una discreta formaggella com questo latte la cagliata è stata più semplice ed il sapore decisamente migliore.

    RispondiElimina
  10. la storia del bipide mi fa morire!!!ogni volta mi appassiono a leggerla e poi complimenti questa formaggella ha un aspetto favoloso!!baci imma

    RispondiElimina
  11. @ Imma pensa che stanotte ho fatto un sogno mostruoso... ho sognato il bipede che non voleva darmi il divorzio... un poco come sogni quando devi ridare l'esame di maturià... ahahahahahah

    RispondiElimina
  12. Ahaha! Pensa, Laura, che qui a Varese siamo specialisti in onomastica e pure toponomastica sconveniente però al contrario di molti ce ne vantiamo :-)
    Un esempio per tutti? Il bellissimo paese di Cazzago sulle sponde del mio dolce lago di Varese.
    ...Si dice poi che i Pirola non si chiamassero veramente così :-)
    Devo essere sincera, la pruderie proprio non mi appartiene. Io ad esempio per motivazioni religiose sono contraria al divorzio, però Laura c'è un limite a tutto e Dio con quella meraviglia di vostro figlio ha sicuramente premiato la scelta del tuo nuovo matrimonio e non certo di quello che fu. Questo senza assolutamente entrare in cose che non conosco e che non mi permetto nemmeno di giudicare.
    Ti abbraccio e ti leggo sempre con allegria.
    Buon we!

    RispondiElimina
  13. @ Laura ma lo sai che stavamo parlando di voi con Marco proprio qualche minuto fa???? E gli ricordavo che quando capiterà di tornare sul lago maggiore (lui ha vissuto ad omegna per circa 3-4 anni) devo assolutamente venire a conoscerti per "ciciarare di cose di donne" di persona :-)
    Un abbraccio !!!

    RispondiElimina
  14. Laura, fammi sapere che vi preparo senz'altro qualcosa di tipico lacustre; e per l'occasione mio marito riesumerà pure dalla cantina il trombone e qualche mostrina di quando faceva l'uffiziale a Torino :-)
    Non vedo l'ora di vedervi, mi fareste davvero una bella sorpresa! Poi davvero molliamo i maritozzi con prole a carico e noi ce ne stiamo a ciacolare di ogni :-)
    Bacioni

    RispondiElimina
  15. Non ho mai provato a fare il formaggio in casa il tuo risultato è sempra perfetto! Che brava!

    RispondiElimina
  16. Kitty è di una semplicità veramente disarmante :-) oggi per esempio preparerò una pasta al sugo semplice mantecata con questo formaggio :-)

    RispondiElimina
  17. Ciao Laura,
    bellissima la tua formaggella! Proprio qualche giorno fa ho comprato il caglio, intenzionata a provare il primo sale. Vedendo la tua così ben riuscita, mi hai dato la spinta per provare subito...magari domani..
    Ti saprò dire. Grazie mille.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  18. ono passata per augurarti buon w.e. un bacione

    RispondiElimina
  19. Laura, sei fantastica. Anche la formaggella! Luca ha per i formaggi una sorta di venerazione e, ne sono certa, prima o poi vorrà provarci anche lui.
    Un grosso abbraccio
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  20. @ Sabrina provaci così ci scambiamo pareri ed opinioni :-)

    @ Manu buon fine settimana anche a te!

    RispondiElimina
  21. @ Luca e Sabrina io adoro i formaggi come ben sapete e... se riuscissi a produrmi un erborinato in casa farei le capriole dalla gioia :-) Un bacio

    RispondiElimina
  22. Ma sei bravissima!!!! ma prepari anche il formaggio a casa!!!! io non sarei capace...
    Un bacio e buona domenica!
    Laura

    RispondiElimina
  23. @ Lalu ma no dai!!! E' semplicissimo ;-)

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)