martedì 23 febbraio 2010

Pane Casereccio delle Simili

 

Pane Casereccio
ricetta di Valeria e Margherita Simili 
tratta dal libro Pane e Roba Dolce

" Il casereccio è il tipico pane bolognese ad impasto duro. Nelle campagne dove si faceva il pane una volta a settimana per le famiglie, sempre molto numerose, era faticoso lavorare una pasta così dura e perciò esisteva a questo scopo uno strumento chiamato "grama". Era costituito da una base di legno sulla quale era applicato un bastone che serviva per battere la pasta, mentre una donna la piegava e la faceva ruotare.  Noi cerchiamo di riprodurre questi gesti usando il matterello, il tutto risulta molto divetente e serve anche a scaricre la tensione. Una nostra simpatica allieva diceva "Ogni battuta ha un nome!". 
Bene, una volta preparato l'impasto, via con i formati. Nostro padre diceva che il forno perdona molte cose, il che significa che qualunque cosa facciate il forno ve la renderà trasformata in una piccola scultura che potrete presentare come una riproduzione personalizzata dei formati più tradizionali.
Ricordatevi di tenere l'impasto molto duro altrimenti rischierete di perdere il formato durante la cottura e dopo tanta fatica ed estro artistico, sarebbe un vero peccato."

Ingredienti
Il fondo
50 g farina 0
25 g acqua
2 g lievito di birra

Preparazione del Fondo
Mettere la farina in una tazza, fate una piccola fontana al centro della quale sbriciolerete il lievito, scioglietelo con l'acqua e raccogliendo la farina tutt'attorno, formate un piccolo impasto; coprite con un piatto e lasciate lievitare a temperatura ambiente per tutta la notte (8-10 ore)

Impasto
300 g farina
130 g acqua
10 g lievito di birra
15 g di strutto
15 g di olio
5 g di sale 

Preparazione
Fate la fontana, mettete al centro il lievito di birra sbriciolato ed il fondo a pezzetti, versatevi sopra l'acqua e, lavorando con la punta delle dita, riducete il tutto ad una poltiglia; poi unite il resto degli ingredienti, amalgamate bene, fino ad ottenere un impasto duro. Battete con il matterello per alcune volte, fino ad ottenere una superficie liscia e ben amalgamata. 

Per fare i formati
Per tutti i formati i primi movimenti sono gli stessi
  1. Spezzare l'impasto a seconda del peso desiderato.
  2. Formare delle palline
  3. Spianarle con il matterello formado delle pizzette
  4. Arrotolarle e formare dei filoncini non troppo grossi (circa 2/3 cm di diametro)
  5. Adagiarli verticalmente davanti a voi e assottigliarli con il matterello a circa mezzo cm di spessore.
Avrete così ottenuto le "Pastelle". Quando tutte le pastelle saranno pronte, passate a forgiare i vari formati. Disponete i formati su una teglia, coprite con carta da cucina bagnata e leggermente strizzata e far livitare per circa 50 minuti. Mettete la teglia in forno a 220°, abbassate subito a 200° e cuocete per 10 minuti, abbassate ancora a 180° e cuocete per 30 minuti circa. Per pezzature più piccole ridurre i tempi di cottura.


Qualche formato suggerito dalle Simili (ma potete lavorare anche di fantasia!)
Casereccio
Appoggiate verticalmente davanti a  voi la pastella, tenendone la punta più vicina con la mano sinistra. Con la mano destra fare una piega all'estremità opposta e, usando il palmo della mano e lavorando solamente su un pezzetto di pasta, incominciare ad arrotolare e srotolare, fino ad ottenere un rotolo abbastanza sottile. Procedere così su metà della pastella poi arrotolare e srotolare semplicemente senza premere fino alla fine della restante pastella. Avrete così ottenuto una pezzatura con il centro più grosso e morbido. Mettetelo sulla teglia con la falda verso il basso, schiacciate con il palmo della mano, coprite e fate lievitare sino al raddoppio. A lievitazione avvenuta incidete il pezzo al centro con una lametta (o un coltello affilatissimo) fino ad una profondità di circa metà dello spessore del pezzo.

Montasù
Disporre la pastella orizzontalmente, fare due pieghe all'estremità e, con il pollice arrotolare e schiacciare leggermente tirando verso l'esterno ogni estremità facendo due rotolini. Quando i rotoli avranno raggiunto il centro, separateli leggermente, sollevate la pasta che si trova tra di essi e disponetela sul rotolino di sinistra, su questa appoggiate perpendicolarmente il rotolino di destra e premere fissandoli.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione dei testi in tutto o in parte e delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perchè sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche. Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved.

32 commenti:

  1. Che pane ragazzi! E' uno spettacolo. Complimenti e brava per la pazienza che hai nel preparare tutte queste bontà!

    RispondiElimina
  2. Wow che belli , prendo nota della ricetta!

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia questo pane laura.....:-* Un bacione.

    RispondiElimina
  4. ciao Laura...
    passa da me, c'è una sorpresa per te!!
    bacibaci

    RispondiElimina
  5. Buono il pane fatto in casa!
    Ottima ricetta...brava come sempre!
    ciaooo!

    RispondiElimina
  6. che buono! lo faccio spesso..mi piace nel caffèlatte! bravissima!! baci!

    RispondiElimina
  7. Questo pane è bellissimo. Io ho sempre un gran timore a dare forme particolari e mi limito tutte le volte alla classica pagnotta o ai filoncini :( Ma così è molto più invitante :)
    Bravissima, un bacio

    RispondiElimina
  8. Meraviglioso questo pane!!!
    Se vuoi passare da me, anche io oggi ne ho pubblicato uno, ma con la p.madre...
    bacioni

    RispondiElimina
  9. Che pane pazzesco, complimenti!

    RispondiElimina
  10. beh, tanto di cappello a questo pane splendido ( direi che il merito delle forme carinissime però è tutto tuo). ciao!

    RispondiElimina
  11. Che pane fantastico! Vorrei provare a rifarlo, anche se ho paura di perdermi con le forme. Io ci provo, vediamo cosa esce. Grazie!

    RispondiElimina
  12. Le ricette delle Simili non tradiscono mai...é bellissimo!!!!!

    RispondiElimina
  13. Il pane con lo strutto è delizioso. Ti è riuscito benissimo con tutte quelle forme.Mi hai fatto venire voglia di preparare i panini :D

    RispondiElimina
  14. Che meraviglia, fai veramente venire voglia di mettere le mani in pasta tutte le volte che pubblichi qualcosa!!!

    RispondiElimina
  15. Questo pane è bellissimo! Brave le Simili e brava pure te :-)

    RispondiElimina
  16. impasto subito il fondo e domani procedo!!laura, pero' le forme non le ho mica capite sai? inventero' qualcosa, e domani sera affetto il mio culatello!! ma da te trovi sia culatello che strolghini....giusti???? ti chiedo questo perchè amiche sparse per l'italia li trovano, ma quando poi mangiano i miei mi dicono che sono tutt'altra cosa!

    RispondiElimina
  17. Divino questo pane, accompagnato con tutto quelle goloseria sarà perfetto...stupenda la foto del header..buona giornata Luisa

    RispondiElimina
  18. ma che bello...sei bravissima!!
    un bacio Enza

    RispondiElimina
  19. e questa la provo sicuro!!!

    RispondiElimina
  20. laura. ho appena sfornato!! ho guardato sul libro e dalle foto ho finalmente capito le formature....ma è di una bontà che non si resiste!!!!

    RispondiElimina
  21. Ah...anche io voglio questa cena rustica e genuina!
    l'unica cosa che ho pure io è lo strolghino di culatello!
    provvedo con il pane dai! :)...poi alte cosucce nostrane e buone le procuro!!! che bella cenetta!
    baci!

    RispondiElimina
  22. ma che bello è diventato l'antro.....e che bello il tuo pane, ma sono meraviglie tutto quello che fai.
    BAcio

    RispondiElimina
  23. Io ho sempre avuto un rapporto un po' conflittuale con i lievitati.
    Mi ci vorrebbe proprio un corso con le Simili.
    Questo pane ti è venuto benissimoooo!!!!

    RispondiElimina
  24. @ Tina grazie!

    @ Mary grazie!

    @ Alessandra grazie!

    @ Annaferna grazie! Passerò da te :X

    @ Nicoleta grazie!

    @ Federica ma che ottima idea di "pucciarlo" nel caffèlatte!

    @ Federica se l'impasto è ben duro la cottura ti reggerà qualsiasi forma!

    @ Simo verrò senza dubbio, anche se io con la pasta madre... mi imbrano!!! :D

    @ Alessandra grazie!

    @ Luxus grazie!

    @ Monella Golosa l'importante è che l'impasto sia ben duro per reggere in cottura

    @ Raffy grazie!

    @ Ely grazie!

    @ Aldarita e allora forza con le mani in pasta :X

    @ Aiuolik grazie!

    @ Dauly sì li trovo ma non sono certo così deliziosi come quelli mangiati in loco! Hai panificato??? Bravissima! Non vedo l'ora di vedere i capolavori che hai fatto!

    @ Soleluna grazie!

    @ Night grazie!

    @ Emamama grazie!

    @ Shade grazie!

    @ Terry le cene "rustiche" sono sempre le più golose! :D

    @ Blu grazie! :X

    @ Minnie per quanto mi riguarda il corso che ho fatto con le Simili è stato il migliore di tutti :D

    RispondiElimina
  25. Io per ora mi sono limitata a guardarle su youtube... bellissimi i panini!! io mentre tu facevi queste meraviglie, mettevo mano a un disastro da distrazione, ma il risultato non è stato malvagio... i panini erano belli soffici!
    Un abbraccio, buona giornata! (ora vado a farmi un bel giro per Milano, il tempo, stranamente, è bello!)

    RispondiElimina
  26. Ciao! bellissimi e anche la forma è proprio particolare!!
    un bacione

    RispondiElimina
  27. Veramente delizioso questo pane, poi le sorelle Simili sono una garanzia. Buon fine settimana :)

    RispondiElimina
  28. @ Lucia tante volte dai disastri saltano fuori ricette decisamente garbine ;)

    @ Manuela e Silvia grazie!

    @ Italians già le Sorelle Simili sono veramente una garanzia di nome e di fatto!

    RispondiElimina
  29. Leggevo la pizza...poi ho visto che mi ero perso il pane casereccio delle simili...e senza volere mi sono ritrovato a prendere appunti.
    Penso che non vada detto altro o no!? ahahahaha
    PS
    Anche per noi solitamente il Sabato è pizza, rigorosamente una teglia bianca ed una rossa eheheehhe

    RispondiElimina
  30. @ Gambetto questo pane è da provare! Muore benissimo con degli ottimi salumi e sott'olio fatti in casa :D

    RispondiElimina

I commenti anonimi verranno automaticamente eliminati