mercoledì 22 gennaio 2014

Zuppa di Cavolo Nero

Zuppa di Cavolo Nero

La Zuppa di Cavolo Nero è una ricetta tipica del senese. Umilissime sono le sue origini per un piatto di grande gusto che nelle fredde giornate invernali scalda il corpo e l’anima di chi ha la fortuna di poterlo assaggiare. A differenza della ribollita, in questa zuppa non ci sono fagioli o altre verdure, il cavolo nero è il protagonista indiscusso di questa preparazione.
Il cavolo nero, conosciuto anche come “cavolo nero di Toscana” o “cavolo a penna”, è un tipo di cavolo dalle lunghe foglie color cipresso scuro, con sfumature bluastre che si trova, da novembre ad aprile, negli orti toscani. E’ una pianta molto resistente al freddo e i migliori cavoli neri si hanno dopo le gelate tardo autunnali, poiché il gelo ne intensifica e migliora il sapore che è molto più intenso e marcato rispetto agli altri cavoli e si caratterizza per una lieve nota piccante.
Come scegliere un buon cavolo? Le foglie devono essere di un bel verde intenso, turgide, senza parti marce. Se ci sono foglie ingiallite, scartatelo perché significa che il cavolo nero è vecchio!
Il cavolo nero contiene pochissime calorie e per il nostro organismo rappresenta una grande fonte di benessere per le sue molteplici proprietà: previene alcune forme tumorali, ha effetti depurativi, antivirali e decongestionanti.

Curiosità: potete consumare il cavolo nero anche a crudo. Tagliate sottilissime un paio di foglie di cavolo nero e aggiungetele all’insalata (in particolare al radicchio), condite poi con olio extravergine d’oliva, limone e sale. Otterrete così un contorno “disintossicante” dal gusto molto particolare.

Zuppa di Cavolo Nero
dal libro Zuppe Toscane di Laura De Vincentis

Ingredienti
600 g cavolo nero
1 cipolla bianca
1 spicchio d’aglio
100 g di rigatino (pancetta Toscana)
Olio extravergine d’oliva
Pane casereccio raffermo
Sale e pepe nero

Preparazione
In una padella di coccio dai bordi alti fare un soffritto con qualche cucchiaiata d’olio a cui sono stati aggiunti la cipolla, l’aglio e il rigatino tritati. Fare rosolare qualche minuto e aggiungere le foglie di cavolo ben pulite e tagliate grossolanamente. Fare appassire la verdura e aggiungere acqua bollente salata (circa 1 litro). Regolare di sale e pepe. Cuocere a fiamma dolcissima per almeno un paio d’ore. Nel frattempo tagliare il pane a fette, abbrustolirlo, strofinarlo d’aglio, condirlo con un filo d’olio “bòno” e del pepe nero. Disporre le fette di pane nel fondo di una zuppiera e ricoprirle con la minestra di cavoli. Condire il tutto con olio extravergine d’oliva e, per chi gradisse, una spolverata di pecorino stagionato. Aspettare qualche minuto prima di servire per fare amalgamare bene i sapori.


Abbinamento consigliato: il piatto proposto presenta succulenza, sapidità, tendenza amarognola con una lieve nota piccante, una discreta untuosità e una caratteristica aromaticità. Il vino consigliato deve essere morbido, di buona freschezza, dai sentori fruttati di marasca e viola, con buone sensazioni pseudocaloriche, dotato di tannini non aggressivi, di discreta struttura e persistenza gusto olfattiva. Pertanto, per rimanere nel territorio, l’abbinamento consigliato è quello con un Chianti Colli Senesi.


N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

17 commenti:

  1. Buongi carissima....ho mangiato il cavolo nero per la prima volta un paio di mesi fa perchè mia mamma mi ha fatto una fantastica ribollita!!!
    Interessante anche la tua ricetta

    RispondiElimina
  2. super buonissimaaaaaaaaaa!!!

    RispondiElimina
  3. Caspita Laura che bella ricetta! Molto interessante anche il post che l'accompagna!!

    RispondiElimina
  4. ultimamente ho imparato a comprare e usare il cavolo nero e questa zuppa e davvero ottima
    lia

    RispondiElimina
  5. Adoro il cavolo nero, la tua zuppa è deliziosa. Non sapevo che si potesse mangiare anche crudo, lo proverò, proprio come suggerisci tu. Un bacio

    RispondiElimina
  6. spero di riuscire a trovare il cavolo nero, qui non è molto usato, che peccato, deve essere delizioso ! Un abbraccio !

    RispondiElimina
  7. Una bellissima foto per una ricetta semplice ma piena di sapore!!! Complimenti

    RispondiElimina
  8. Ho una passione per questi piatti del passato, anche il loro gusto sembra carico della storia che hanno. Il cavolo nero in insalata non l'ho mai provato, ma seguirò di certo il tuo consiglio. un abbraccio e buon pomeriggio

    RispondiElimina
  9. Io ho una passione per il cavolo nero, purtroppo dalle mie parti non si trova con facilità.
    Questa zuppe le adoro.

    RispondiElimina
  10. Ma quanto è buono il cavolo nero????? Io lo adoro, anche nelle farciture di carne, di pasta, risulta saporitissimo!!!
    Ottima questa zuppa con questo pane casareccio abbrostolito.... ;)
    Franci

    RispondiElimina
  11. Sana e nutriente, mi viene voglia di provarla. Grazie!!!

    RispondiElimina
  12. Ne immagino la bontà.
    Anche se dalle mie parti non si trova il cavolo nero ho potuto assaggiarlo grazie ad una cugina toscana.

    RispondiElimina
  13. Mi piace moltissimo questa zuppa, appena lo trovo, la faccio, grazie!
    Buona serata

    RispondiElimina
  14. A casa nostra abbiamo scoperto il cavolo nero da poco ma è stata una piacevole scoperta quindi metterò sul fuoco sicuramente anche la tua ricetta. Grazie Laura

    RispondiElimina
  15. Gustata, assaporata (e adorata!!!) anni fa in quel di Siena. Mai dimenticata! La tua è una meraviglia, Laura!
    Baci
    MG

    RispondiElimina
  16. Adoro il cavolo nero che da poco si trova anche qui da me...la tua zuppa è favolosa con quei crostoni di pane...ma vorrei provarlo crudo in insalata!!!

    Bacioni e buon weekend

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)