mercoledì 24 ottobre 2018

Confettura Agrodolce di Peperoni

Confettura Agrodolce di Peperoni

Il cibo è fatto d’amore,
e l’amore è fatto di cibo
(J.Attenberg – I Middlestein)

Mentre io e il De Win carichi come muli scarichiamo borsoni di spesa quel principino dell’adolescente di casa se ne sta seduto in macchina aspettando che abbiamo finito.
Dico all’inossidabile De Win: “Però devi dirgli qualcosa, devi fargli notare che non può stare seduto come un pascià in macchina quando i suoi due genitori ANZIANI fanno la spola con borsoni stracarichi di spesa dalla macchina all’ascensore!”
Risponde l’inossidabile e piccatissimo De Win: “Genitore ANZIANO ci sarai tu!”
#maiunagioia

Avete presente il paradiso? Ecco questa confettura si trova al piano superiore! Dire che è buona è dire niente. Tre barattoli sono stati già adeguatamente fatti fuori dagli uomini di casa, pertanto ieri ho comprato i peperoni e mi accingo a invasare la confettura per la seconda volta. Non chiamatela conserva perché vi assicuro che non si conserverà, troppo buona per essere conservata! Finisce subito! Ricetta sua, un nome una garanzia! Ve la posto così come l’ho letta da lei, io ho seguito alla lettera ricetta e procedimento. E sì, questa volta è proprio un plagio golosissimo in tutto e per tutto! Ottima sui crostini caldi, da sballo con i formaggi!

Forse non tutti sanno che… agrodolce
Questo gusto ha radici nella tradizione gastronomica di mescolare ingredienti dolci e agri (zuccheri e acidi) in una medesima vivanda.
Dell’agrodolce ritroviamo testimonianze sia nella cucina Romana di Apicio centrata sulla coppia miele-aceto, che nei ricettari delle epoche successive.
Poi dal Medioevo la gamma dei prodotti utilizzati per comporre l'agrodolce si articolò in modo più complesso e a rafforzare la componente acida si sviluppò la produzione di agresto, agrumi, e l'utilizzo di succo estratto da frutti per loro natura agrodolci, come la melagrana. Il dolce per vari secoli continuò ad essere ottenuto come in età romana col miele, i datteri, l'uva passa, ma la scoperta della canna da zucchero, importata in Sicilia dagli arabi e incentivata da Federico II, segnò un importante momento di svolta, accompagnato dalla diffusione di mandorle e nocciole in funzione sia di addolcenti che di addensanti.
Nel corso del ‘600 il gusto agrodolce fu messo in secondo piano, quando la supremazia della cucina francese impose il criterio di distinzione netta fra il dolce e l’aromatico.
Fra i residui contemporanei di questa tradizione troviamo i tortelli di zucca confezionati nelle zone del mantovano e le salse in agrodolce, alle quali si può ricorrere in tutte le occasioni dove si vuole esaltare il sapore dei cibi o sostenere i gusti decisi, come per esempio quelli di capriolo, lepre, cinghiale e selvaggina da pelo in genere. tratto da Taccuini Storici

Confettura Agrodolce di Peperoni

Ingredienti
1 kg di peperoni rossi
400 gr di zucchero
200 ml di aceto bianco
2 cucchiaini di sale
Peperoncino secco (facoltativo)

Preparazione
Lava i peperoni quindi liberali dal picciolo, aprili in due ed elimina tutti i semi e i filamenti bianchi. Tagliali a strisce e poi a dadini.
Mettili in una ciotola capiente con metà dello zucchero, mescola, copri con della pellicola e lasciali una notte in frigo.
Il giorno dopo versa nella pentola di cottura i peperoni e tutto il liquido che si sarà formato, aggiungi il resto dello zucchero, l'aceto ed il sale.
Fai sobbollire piano un'ora circa, a questo punto dai una frullata con un frullatore ad immersione: il tutto non dovrà ridursi a crema ma solo amalgamarsi un po'.
Rimetti sul fuoco per un'altra mezz'ora, poi comincia a controllare la consistenza con la prova piattino: versa un po' del composto in un piattino e metti in frigo, quindi controlla dopo che si sarà raffreddato.
Continua la cottura fino al raggiungimento della consistenza desiderata quindi aggiungi, se lo desideri, un po’ di peperoncino secco nella quantità preferita.
Invasa la confettura calda in barattoli sterilizzati, chiudili e capovolgili per formare il sottovuoto.
Lasciali capovolti fino a completo raffreddamento.

Note di Stefania:
  • anche il sale può essere un po' aumentato: assaggiate e verificate ma a fine cottura, non aggiungetene troppo all'inizio.
  • la si conserva per mesi nei barattoli sterilizzati e col sottovuoto. Fate attenzione che i tappi siano a prova di aceto (ormai tutti i tappi lo sono in realtà)
  • per sterilizzare i barattoli vuoti : metterli in lavastoviglie con un lavaggio ad almeno 60 gradi e farli asciugare all'interno oppure passarli in forno a 100 gradi per una decina di minuti, spegnerlo e farli raffreddare completamente all'interno.


NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, senza preventiva richiesta perché protette dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche. Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

19 commenti:

  1. Ciaooo ho chiesto ad Araba....per la riduzione zucchere ma giustamente lei dice che posso provare ma non è assicurato l'esatto equilibrio tra zucchero e peperone. Penso che la parò cosi non è mica che devo mangiare in un colpo il barattolo.... Prendo nota tipo copia incolla.
    Buona serata

    RispondiElimina
  2. mi ispira molto questa confettura, deve essere perfetta con i formaggi ma anche per accompagnare la carne... tipo, la vedrei bene con una frittura o delle alette di pollo! grazie per la ricetta :)

    RispondiElimina
  3. Sono felicissima che ti sia piaciuta tanto quanto piace a me!!! Ancora grazie <3

    RispondiElimina
  4. Che meraviglia meravigliosa! Purtroppo non ho un buon rapporto con le marmellate, ma la tentazione di riprovarci è forte... Ciao!

    RispondiElimina
  5. sarà che amo sia i peperoni che il gusto agrodolce, mi intriga un botto :) ha un colore meraviglioso. un bacione, buona serata

    RispondiElimina
  6. Amo il gusto agrodolce e credo che ne mangerei a sazieta' ma devo fare passo..uffa!!
    baci

    RispondiElimina
  7. Molto invitante, io poi amo il sapore agrodolce e la finirei in un nanosecondo!

    RispondiElimina
  8. .....ne ho fatta una molto simile lo scorso anno con la vaniglia e beh....paradisiaca!
    Quindi non posso che dirti: hai pienamente ragione, talmente buona che non si riesce a smettere di mangiarla!!!!!
    Un bacione cara e buonissima giornata

    RispondiElimina
  9. che meraviglia deve essere!!! io me la sogno però purtoppo :(

    RispondiElimina
  10. Deve essere veramente speciale....mi sa che devo proprio prepararla, mi ispira tantissimo, un abbraccio cara!

    RispondiElimina
  11. Mai attira tantissimo devo farla al più presto!!!!
    oggi prendo i peperoni :-P
    baciotti ^__^

    RispondiElimina
  12. Eh sì è proprio da provare! Un abbraccio grande a presto :)

    RispondiElimina
  13. Non ho mai fatto la confettura di peperoni, ma ora che l'ho vista mi è venuta una voglia terribile di provarla

    RispondiElimina
  14. Sarei proprio curiosa di assaggiarla :-P

    RispondiElimina
  15. Questa è assolutamente da provare!! Mitico il De Win :)

    RispondiElimina
  16. Adoro queste confetture agrodolci... la tua ottima con in formaggi!!!!

    RispondiElimina
  17. Dev'essere veramente fantastica !!!
    Baci

    RispondiElimina
  18. che bella confettura cara ! baci!

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)