lunedì 11 maggio 2015

Formaggi Sott’Olio

Formaggi Sott’olio

Questa è una ricetta-non-ricetta sfiziosissima che, quando ho ospiti, sulla mia tavola non manca mai. Oltre che come antipasto potete servire questi formaggi durante un aperitivo, un buffet, un cocktail, potete anche usarli per guarnire le vostre insalate ed è anche un’ottima golosità quando organizzate un picnic, perché si preparano in anticipo e si trasportano più che facilmente! E’ anche una ricetta del riciclo per quando avanzano tocchetti di formaggio che non sapete come finire. Io solitamente, giocando in casa, la preparo con il Pecorino di Pienza, ma nulla vieta di prepararla anche con altre tipologie di formaggi; l’importante è che siano stagionati o semistagionati.
Da dove arriva questa ricetta? Da una spuntineria paradisiaca nel cuore della Valdorcia, a Bagno Vignoni, un piccolo borgo incantato dove il tempo sembra essersi fermato, proprio come quando entrate nella Bottega di… Cacio. Per saperne di più cliccate qui.
 
Forse non tutti sanno che... Pecorino di Pienza

Delicatamente dolce e sottilmente aromatico, bianco candido impenetrabile ad un raggio di luce, questo è il latte, l’alimento che da sempre accompagna la vita dell’uomo. Latte: la materia prima per produrre un’enorme varietà di formaggi. Proprio il formaggio, nel passato, rappresentava il modo migliore per conservare e concentrare tutto il grande patrimonio nutrizionale del latte.
E lo sa bene il Pecorino di Pienza le cui radici affondano nella storia più lontana. Tracce di questo tipo di “cacio” sembrano risalire al periodo Neolitico come raccontano i recipienti per la lavorazione del latte trovati in un villaggio preistorico nei pressi di Pienza. Fu Plinio il Vecchio a raccontarci di come gli Etruschi facessero delle grandi e gustose forme di pecorino. Nella seconda metà del XVIII secolo, la Reale Società Economica di Firenze fece fare uno studio su questo pecorino della Val d’Orcia e tra le altre cose scoprì anche che “… le fanciulle che hanno imparata l’arte di fare il Pecorino si acquistano molta reputazione nel paese, e questa loro abilità facilita il loro accasamento ed è considerata in conto di dote”.
Il nome Pecorino di Pienza è un’acquisizione recente, prima era conosciuto come Pecorino delle Crete Senesi. Pienza, una splendida cittadina rinascimentale che domina la Val d’Orcia e sorge dove una volta c’era il borgo medioevale di Corsignano. Com’è noto, il nome Pienza deriva da Papa Pio II che affidò al Rossellino la completa ristrutturazione del borgo natìo, per erigere al suo posto una cittadina dove poter insediare una degna residenza papale. Ma Pio II lega il suo nome anche alla storia gastronomica di questo territorio, infatti sembra che facesse apporre un sigillo sulle migliori produzioni di pecorino per riconoscerle.
Un formaggio dal gusto particolare, dove ogni morso racconta un pezzo di storia del territorio. Questo è possibile perché le pecore pascolano sulle famose “crete”, terreni argillosi tipici della Val d’Orcia. Su queste crete cresce un mix di erbe profumate tipiche della zona (come la santoreggia, la mentuccia, il timo serpillo, il radichetto) che si esprimono nel latte in tutta la loro fragranza tipica rendendo il sapore di questo pecorino inconfondibile. Importante, nella produzione di questo formaggio, è anche l’utilizzo di un caglio vegetale che gli conferisce una caratteristica “nota dolce-amara”.
Abbiamo diverse tipologie di pecorino: quello fresco, 30 giorni di stagionatura, al palato si presenta delicato e dolce, la crosta è chiara e semi dura; quello semi-stagionato, 2 mesi di stagionatura, la cui crosta ha un caratteristico colore rosso ottenuto spalmandola di concentrato di pomodoro e olio. Al palato si presente dolce e moderatamente aromatico; quello stagionato, stagionatura va dai 2 ai 4 mesi. La crosta è scura perché le forme stagionano in barriques e vengono strofinate con olio e nerofumo per non fare asciugare troppo il formaggio. Il Pecorino avrà una pasta consistente e al palato risulterà saporito pur mantenendo un retrogusto che esprime l’originaria dolcezza.
Il pecorino di Pienza è ottimo gustato in “purezza” accompagnandolo con una selezione di mieli o marmellate, oppure con del buon pane toscano e dei salumi del territorio.
Ma ben si presta, specie quello semi-stagionato, ad essere cucinato in pietanze a base di verdura, se poi la stagionatura supera i quattro mesi allora lo potete utilizzare come formaggio da grattugiare per insaporire i vostri primi piatti. di Laura De Vincentis tratto dalla rivista “Per la Valdorcia”
 
Formaggi Sott’Olio
ricetta di Ornella della “Bottega di… Cacio”
 
Ingredienti e Preparazione
Prendete dei formaggi stagionati e semistagionati, come ad esempio il pecorino, tagliateli a cubetti e metteteli a macerare per una settimana in un contenitore ermetico contenente olio extravergine d’oliva di ottima qualità (come quantità deve poter ungere bene tutto il formaggio) e un trito di erbe aromatiche dal sentore balsamico, quali origano, timo, rosmarino, salvia e maggiorana. Scuotete il contenitore una volta al giorno per far macerare bene il formaggio nel suo condimento.

Dice Ornella: evitate di usare formaggi a pasta morbida perché durante la macerazione tendono a sciogliersi. Evitate di usare erbe aromatiche dal gusto troppo forte come basilico o semi di finocchio, poiché in macerazione acquisiscono un sentore troppo amarognolo.
 
 
Abbinamento consigliato: una preparazione che spicca per la tendenza dolce del formaggio, ma anche per la sua sapidità, per l’aromaticità del condimento e per una spiccata untuosità data dalla presenza cospicua di olio. In abbinamento propongo un vino della Valdorcia che abbino sempre a questi formaggi: un Rosso Orcia. Un vino dal colore rosso rubino con riflessi violacei, al naso è ampio presenta sentori di frutta rossa matura, viola mammola, speziature dolci, tostatura e note balsamiche. Al palato risulta rotondo, morbido, elegante, di moderata tannicità e di buona mineralità con un finale persistente
 

N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n. 633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

21 commenti:

  1. una ricetta intrigante!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  2. i formaggi ci piacciono assai...da fare al più presto questa bontà!

    RispondiElimina
  3. sarei capace di mangiarne tutta la ciotola da sola !

    RispondiElimina
  4. Questa ricetta/non ricetta mi garba un sacco. Anzi di più! Questi formaggi abbinati ad un buon pane, sono un antipasto, strepitoso! Un bacio

    RispondiElimina
  5. Chissà che buono questo antipasto di formaggio....
    Un bacio :)

    RispondiElimina
  6. Davvero interessante la tua ricetta , mi attirano moltissimo i formaggi preparati a questo modo. Un abbraccio, Daniela.

    RispondiElimina
  7. Questa ricettina mi ricorda la mia nonna.... quanto formaggio ho mangiato così, bravissima Laura!!!

    RispondiElimina
  8. Un'amica di mia madre faceva una cosa simile, ma non ricordo le erbe aromatiche. Ottima idea.

    RispondiElimina
  9. che buono questa recetta! Look delicious!!

    RispondiElimina
  10. stuzzicanti, per un antipastino li trovo troppo buoni!!!!

    RispondiElimina
  11. Ma tu guarda, a prima vista quei tocchetti li avevo scambiati per patate... :-)
    Ottima idea per un buffet all'aria aperta. Si presentano davvero molto bene.

    RispondiElimina
  12. irresistibile!!!! ottima idea...la conoscevo ma, l'aggiunta degli aromi, è vincente!!!

    RispondiElimina
  13. Beh, da spazzolare a qualsiasi ora del giorno e della notte!!! Che delizia, Laura!
    Un abbraccio,
    MG

    RispondiElimina
  14. diciamo una sorta di formaggi aromatizzati!!Molto interessante!!!

    RispondiElimina
  15. Troppo buoni sicuramente...da segnare per le prossime cenette estive!Grazie e ciaooo

    RispondiElimina
  16. Questi formaggi sott'olio, ottimi da gustare in famiglia, possono essere anche uno spunto per un regalo da fare agli amici...
    Cosa ne pensi?
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. Questa è una ricetta furbissima...uno si riciclano formaggi avanzati e due ti ritrovi un antipasto golosissimo :-P
    grazie per averla condivisa :-))
    un abbraccio ^__^

    RispondiElimina
  18. devo assolutamente rifare questa ricetta!! giuro per me che sono una divoratrice di formaggi è geniale!!

    RispondiElimina
  19. Bella idea! Spesso mi restano dei tocchetti di formaggio che se non finiscono nella mia bocca avida li uso nelle paste invernali.
    La segno volentieri.
    Grazie e bacioni a te.

    RispondiElimina
  20. LI ADORO ELI FACCIO TO ANCHE CON UN PRIMOSALE CON POMODORI SECCHI, CAPPERI, OLIVE VERDI, ACCIUGHE E ORIGANO, UNA VERA DELIZIA CON POMODORI FRESCHI SU UNA FRESELLA INTEGRALE

    RispondiElimina
  21. Finirei tutto il contenuto del vasetto da sola, delizia pura!!!!!
    Un bacione, ghiotta idea da copiare!!!

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)