venerdì 4 marzo 2016

Smacafam alla Trentina

Smacafam alla Trentina

Quando posso darvi una ricetta delle mie amate dolomiti sono sempre strafelice! Lo smacafam (schiaccia fame) conosciuto anche come pizza trentina alla salsiccia è una torta salata morbida, molto sostanziosa, che va servita calda ed è perfetta con il clima polare di queste giornate. E’ ottima come  merenda dopo una giornata magari passata sugli sci ma, come mi ha fatto notare mio marito, è perfetta anche proposta come aperitivo abbinata a formaggi e salumi. Lo smacafam si prepara velocemente e, come insegnano le nonne trentine depositarie di questa ricetta, è buona appena fatta ma, il giorno dopo, riscaldata, è ancora più buona.

Forse non tutti sanno che…
Il termine smacafam deriva da “smaca” ovvero picchia con forza e “fam” ovvero fame e fa riferimento alla grande capacità di questo piatto assai robusto di placare anche la fame più smodata.
Lo smacafam è una ricetta tradizionale trentina, è un “piatto della memoria” le cui origini si perdono nei tempi più remoti. Le nonne trentine lo preparavano in occasione del Carnevale, ma oggi si prepara nelle più svariate occasioni anche se essendo un piatto molto pesante è decisamente una preparazione consigliata nei mesi freddi di gennaio e febbraio.  Viene servita come merenda, antipasto o anche come piatto unico accompagnato da un’insalata di tarassaco che ben si sposa con il sapore intenso di questa preparazione.

Smacafam alla Trentina

Ingredienti per 6 persone
300 gr di farina 00
50 gr di farina di grano saraceno
3 uova intere fresche
400 ml di latte intero
300 gr di luganega (o salsiccia)
30 gr lardo a fettine sottili
50 gr grana del Trentino grattugiato
1 cipolla ramata tritata grossolanamente
5 g di sale
1 cucchiaino di pepe nero
 
Preparazione
Preriscaldare il forno a 190°.
Sbriciolare le salsicce, metterne i due terzi in un padellino insieme al lardo e cuocere per 10 minuti. Scolare il grasso di cottura, tenerlo da parte e fare raffreddare lardo e salsicce.
Preparare la pastella: in una ciotola mettere le farine, il latte, le uova, il grana, il sale e sbattere con le fruste (o con un frullino elettrico) sino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Fare riposare il composto per 15 minuti. Aggiungere poi i due terzi di salsiccia, il lardo, la cipolla e amalgamare bene all’impasto.
Foderare una teglia rettangolare di carta forno e spennellarla con il grasso tenuto da parte. Versarvi dentro il composto e completare spargendo sula superficie i fiocchetti di salsiccia tenuta da parte. Spolverare di pepe nero e infornare per circa 40/45 minuti (vale la prova stecchino) o sino a che sulla superficie si sarà formata una crosticina dorata. Servire calda tagliata a quadratini. Se avanza il giorno dopo, ben riscaldata, è ancora più buona.

 
N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete, che siano FORUM o ALTRO, senza preventiva richiesta perché sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

18 commenti:

  1. questa piacerebbe da matti a Marco ma anche a me !

    RispondiElimina
  2. Un nome particolare questa ricetta.. e poi schiaccia fame.. si si daproprio idea!! Troppo gustosa con la luganega!!!! baci e buon w.e. :-*

    RispondiElimina
  3. Ok vado a scongelare la salsiccia..mi hai conquistata!
    Baci
    Monica

    RispondiElimina
  4. Interessante,ho appena comprato un libro sulla cucina trentina,quante delizie,grazie questa non l'avevo vista,devo approfondire ancora,buon weekend

    RispondiElimina
  5. O_O che acquolina deve essere buonissima!! buon we

    RispondiElimina
  6. mi sa che questa non l'ho mai mangiata in montagna...me la sono segnata!

    RispondiElimina
  7. Non male questa pizza trentina con salsiccia. Sicuramente piace a casa mia...lo voglio fare. Ciao...buon weekend!

    RispondiElimina
  8. Lo conosco !!!!!!!! Corposo e gustosissimo, una ghiottoneria!!!

    RispondiElimina
  9. Che dire? Ho l'acquolina, con la tua descrizione mi hai fatto venire una fame! Un bacio

    RispondiElimina
  10. Dove leggo Dolomiti (e Antro ^_^) sono sempre a rapporto :)
    Che meraviglia questa specialità dal sapore e dai profumi di montagna. Grazie, Laura!
    Un bacio,
    MG

    RispondiElimina
  11. cara laura che bello rileggerti! ed ho scelto proprio un bel momento, guarda che meraviglia! adoro le ricette tradizionali, sono sempre le più semplici e gustose, questa proprio mi sfuggiva

    RispondiElimina
  12. a fine aprile sarò in Trentino, la voglio assolutamente provare. Fantastica.

    RispondiElimina
  13. Dev'essere veramente buonissima.. Brava!! :-D

    RispondiElimina
  14. Ciao Laura, bellissima questa ricetta di cui non ne conoscevo l'esistenza. Ho una domanda da farti: nell'impasto base non và messo il lievito?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antonella, ti confermo che il lievito non ci va :) la consistenza che si ottiene è una torta salata, morbida ma bella compatta. Buona giornata :)

      Elimina
    2. Grazie mille Laura, appena possibile la proverò, meglio ancora se è senza lievito.
      A presto

      Elimina
  15. Ciao Laura, come promesso ho fatto il tuo Smacafam con alcune variazioni dovute alle esigenze dei miei ospiti. A noi è piaciuta tanto. Se ti và puoi vedere le foto nel mio blog.
    a presto e grazie per la ricetta:*

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)