venerdì 2 dicembre 2016

Madeleine al Cacao con Elisir d’Uva Zibibbo e Fiore di Sale

Madeleine al Cacao con Elisir d’Uva Zibibbo e Fior di Sale

L'ipocondriaco, leggasi Junio, rientra da scuola: "Ahhhhhhhhhhhhhh"
"E ora che ti è successo????"
Massaggiandosi il ginocchio con espressione di dolore esclama "Mamma ho il menisco!!!!!"
"... ... ... Uh! Sapessi io! Ne ho ben DUE!"
"Davvero mamma???? Ma tu che sintomi hai? Anche tu non riesci ad abbassarti???"

Vestiamo a festa le madeleines? Basta profumarle con l’elisir di uva zibibbo et voilà, il Natale è servito e sono talmente buone, burrose e profumate che sicuramente saranno un regalo particolare e golosamente gradito. In questa ricetta, il fior di sale si sposa perfettamente con l’Elisir d’Uva Zibibbo completando la dolcezza di questo “miele d’uva” con una punta di gradevole e delicata sapidità.
Di madeleines dolci ne parlo anche qui, qui, qui. Mentre qui, qui e qui potete trovarle in tre sfiziose versioni salate.

A proposito di feste, vi lascio con una una ricca raccolta di dolci natalizi, dai “soliti” immancabili classici a quelli che in casa De Win contribuiscono a creare l’anima e l'atmosfera del Natale. E il vostro “dolce” del Natale? Me lo raccontate? Sono curiosa...
I Dolci di Natale di Antro Alchimista
I DOLCI DEL NATALE DELL'ANTRO 

Forse non tutti sanno che: Elisir d’Uva Zibibbo
L’Elisir d’Uva Zibibbo è uno sciroppo" denso (chiamato anche "miele d’uva") ottenuto riducendo il mosto fresco di uva zibibbo con zucchero. E’ un prodotto tipico dell’isola di Pantelleria. Dolcezza ed aromaticità quindi si fondono bene insieme per dare un prodotto vellutato dal profumo inebriante.
E’ l’ingrediente principale dei “mustaccioli” natalizi preparati dalle donne pantesche, ma si abbina bene anche a formaggi erboranti o piccanti, a freschi di capra, in preparazioni con crostacei, da provare sul gelato alla vaniglia o alla crema e ottimo usato come dolcificante per il tè, il latte caldo, lo yogurt o per la preparazione di torte, biscotti e pasticcini.
 
Madeleine al Cacao con Elisir d’Uva Zibibbo e Fiore di Sale
 
Ingredienti
150 gr di farina 00
30 gr di cacao amaro in polvere
50 gr di zucchero di canna
100 gr di burro morbido
2 uova
130 ml Elisir d’uva zibibbo (per l’Antro La Nicchia, Pantelleria)
5 gr lievito in polvere per dolci
4 gr Fiore di Sale
 
Inoltre
Zucchero a velo
Poco burro e farina per gli stampi
 
Preparazione
Mettere tutti gli ingredienti in una ciotola e impastarli con un cucchiaio sino ad avere un impasto omogeneo e abbastanza sodo. Coprire con la pellicola e mettere a riposare in frigorifero per un’ora.
Preriscaldare il forno a 180°. Imburrare e infarinare degli stampini per madeleines (se utilizzate quelli in silicone non c’è bisogno) e riempirli per 2/3 con il composto. Infornare a forno caldo per circa 18/20 minuti. Fare raffreddare, estrarre dagli stampini e spolverare di zucchero a velo.

 
Pillole di Enologia: Zibibbo
Lo zibibbo è il vitigno dal quale si ottengono dei vini assai pregiati: il Moscato di Pantelleria, il Passito di Pantelleria e il Pantelleria Zibibbo Dolce.
Lo zibibbo è un vitigno aromatico, molto profumato, la cui peculiarità è quella di venire coltivato dentro buche profonde scavate nel terreno vulcanico, dell’isola di Pantelleria, in modo da assorbire la rara pioggia, l’umidità della notte e difendersi dalla salsedine e dall’aggressione dei venti torridi provenienti dall’Africa. I vigneti panteschi sono allevati ad alberello molto basso “a paniere”.
L’uva, già matura ad Agosto, viene vendemmiata a Settembre quando ogni acino ha concentrato al meglio il contenuto zuccherino e di tutte le altre sostanze estrattive. Dopo la vendemmia i grappoli vengono lasciati appassire su stuoie impreziosendo ulteriormente il contenuto degli acini.
Il vino prodotto con lo Zibibbo è legato alla leggenda della dea Tanit, che invaghitasi di Apollo e volendo attrarre la sua attenzione, si finse coppiera dell’Olimpo. Qui sostituì l’ambrosio – bevanda degli dei – con il nettare proveniente da questa isola, riuscendo a conquistare l’amore di Apollo. Bisogna però aspettare il 1883 affinché questo vino venga conosciuto e apprezzato anche al di fuori dell’isola per fare la sua apparizione nel listino di una famosa casa vinicola siciliana; nel 1900 fu poi premiato a Parigi e nel 1936 fu inserito tra i vini tipici italiani.
 

N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione  delle foto, in alcuno spazio della rete senza preventiva richiesta perché sono protette dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.

Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

29 commenti:

  1. con l'aggiunta di Elisir d’Uva Zibibbo devono essere strepitosi!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  2. eccezionali queste madeleine O_O

    RispondiElimina
  3. sONO UNO SPETTACOLO!
    cHE BELLE.
    tI ABBRACCIO

    RispondiElimina
  4. ti sono riuscite benissimo, molto golosa l'aggiunta dell'elisir ! Buon fine settimana, un bacione

    RispondiElimina
  5. adorabili le madeleines...sono una tira l'altra!

    RispondiElimina
  6. Morbide e profumate. Una vera tentazione, cara Laura!
    Un abbraccio,
    MG

    RispondiElimina
  7. Fantastica, la ricetta e la risposta!
    Buona giornata,
    V.

    RispondiElimina
  8. come sta oggi il campione?
    l'elisir io lo adoro e ci avevo fatto un gelato. Lo stampo per le mini madeleines ce l'ho e la voglia di dolci è perennemente presente qui anche se ora ne girano in casa tantissimi. Ma sai com'è: di dolci non ce ne è mai abbastanza!! no??
    Mamma mia, quest'anno la bilancia la butto dal balcone, ma intanto sarò felice! oh!!!!!! :)

    RispondiElimina
  9. Mi viene da dire: "wow!" "wow!" e ancora "wow!" Un bacio

    RispondiElimina
  10. Divine, irresistibilmente golose, bravissima!
    Bacioni

    RispondiElimina
  11. Deliziose, sono davvero irresistibili, complimenti!

    RispondiElimina
  12. che buone e se non sbaglio lo zibibbo e' un vino siciliano dolce :) bravissima!
    un abbraccio a te.....

    RispondiElimina
  13. Che dire ormai sei un'esperta di madeleine!!Io son 3 anni che voglio comprare lo stampo uffa!!!!
    Prima o poi mi deciderò!!!

    RispondiElimina
  14. Che delizia le tue madeleine ed il fior di sale le esalta alla grandissima!!Complimenti e buona domenica ^_^

    RispondiElimina
  15. Squisite *.* Mamma mia che voglia di assaggiarle :)

    RispondiElimina
  16. Se ven geniales!!
    Un saludito

    RispondiElimina
  17. Sono bellissime Laura! Sai che non ho mai assaggiato questo elisir? Sarei proprio curiosa di sentire il profumo e il sapore. Buona domenica cara

    RispondiElimina
  18. Ciao Laura, Meravigliose le tue Madeleine! Non conoscevo questo Elisir, sembra veramente interessante e particolare. Trovo molto azzeccata l'aggiunta del Fiori di Sale. Solo a guardarle vien voglia di prenderne una ed assaggiare!
    Buona Serata ed A Presto,
    Annalisa

    RispondiElimina
  19. Favolose queste madeleine!! Bravissima... come sempre! :-) Baci

    RispondiElimina
  20. Non ho mai fatto le madeleines e ti assicuro che le tue hanno un aspetto troppo invitante :-P

    RispondiElimina
  21. io le amo da sempre..le tue sono supergolose!!complimenti
    baci

    RispondiElimina
  22. buonissime e particolari per l'aggiunta dell'elisir. Veramente brava!!!

    RispondiElimina
  23. Buonissime le tue madeleine. Il mio dolce di Natale è il pandolce genovese, lo trovi sul mio blog se vuoi vedere di cosa si tratta, bacio a presto

    RispondiElimina
  24. Non conosco l'elisir, ma vedendo il risultato di queste madeleine deve essere magnifico.
    Viene voglia di assaggiarne una :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  25. Ma queste sono spettacolari che dire!? sono estasiata! Un abbraccio

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)