mercoledì 2 novembre 2016

Risotto con Pere e Pannerone Lodigiano

Risotto con Pere e Pannerone Lodigiano

Il lavoro del De Win ci porta sempre in giro per l'Italia, quante volte siamo passati sotto le mura di Norcia riproponendoci sempre 'qualche volta' ci fermiamo a farla visitare a Junio.
Quante volte passavamo da Amatrice e dai monti della Laga: "Sono posti bellissimi, Junio 'qualche volta' ti promettiamo che ci fermiamo qui e visitiamo questi luoghi, magari possiamo anche fermarci a dormire, qui fanno la pasta all’amatriciana sono sicura che ti piacerebbe tanto!" .
Quante volte abbiamo fatto la Salaria: "Junio guarda che bello il Monte Vettore, 'qualche volta' ci andiamo a fare una bella passeggiata e un pic-nic".
Quante volte siamo passati al bivio con Castelluccio "Junio oggi no, non c'è tempo ma 'qualche volta' veniamo a vedere la piana dove hanno girato San Francesco così prendiamo anche le lenticchie buone..."
E non c'è stata volta in cui Junio non abbia insistito "ma perché non ci fermiamo ora???? Solo 5 minuti! Fermiamoci dai! Siamo di strada! Ci stiamo passando davanti! "
E noi a dirgli "oggi andiamo di fretta, torneremo 'qualche altra volta' con più calma, nessuno ci porterà mai via Norcia, Amatrice, Castelluccio, questi luoghi stanno sempre lì e possiamo tornarci quando vogliamo, abitandoci vicino ci possiamo venire a fare una passeggiata la domenica... ... ..."
Eh no... non è vero che tutte quelle meraviglie sarebbero state lì per sempre... ... ...
... ecco oggi quel 'qualche volta torneremo' si traduce in un grande rimorso per quello che Junio non potrà mai più vedere... ... ... ... 
Si va sempre troppo di fretta in questa vita e si dà troppo per scontato che le cose, i luoghi e le persone ci siano per sempre... ... ...
 
Voglia di famiglia in questi giorni dove anche noi abbiamo ballato parecchio (soprattutto domenica mattina). Voglia di stare insieme noi tre, di goderci la casa e di coccolarci anche con quei piatti che scaldano l’anima e il cuore prima ancora di nutrire il corpo. E cosa c’è di meglio di un buon risotto cremoso, delicato e profumato? Sono milanese, il risotto è il mio “comfort food” d'eccellenza quando mi sento giù. Prepararlo è un rito che si ripete ogni volta con movimenti lenti, cadenzati, godendosi ogni attimo della preparazione: lo sfrigolio del riso che tosta, il profumo della sfumata con il vino, il bollore del brodo caldo fatto con il mio dado, la cremosità della mantecatura finale. Come dico sempre ogni risotto è un piccola magia d'Amore... 
 
Forse non tutti sanno che… Pannerone Lodigiano
Il Pannerone Lodigiano (detto anche Panerone) è un formaggio vaccino stagionato (2 mesi circa) a pasta molle e semicotta. E’ un formaggio dalla forma cilindrica; la crosta è morbida, sottile, di colore giallo-rosato. La pasta si presenta di colore bianco con una caratteristica e diffusa occhiatura; al palato è fondente e morbida. Il gusto è molto caratteristico: burroso e delicato, dolce e aromatico, con una caratteristica sfumatura amarognola. 
Proprio per questo suo gusto piacevolmente e delicatamente amarognolo, il Pannerone si abbina molto bene a miele, confettura, mostarda e frutti particolarmente zuccherini. Mentre per la sua predisposizione ad essere fuso, è perfetto anche nei purè di patate, negli gnocchi e nella polenta.
 
Risotto con Pere e Pannerone Lodigiano
 
Ingredienti per 4 persone
350 gr riso Carnaioli
1 porro tritato finemente
Una noce di burro
2 pere Abate sbucciate e tagliate a dadini
1 litro di brodo vegetale bollente
2 cucchiai di panna da cucina
1 bicchiere di Lugana o altro vino bianco secco dai sentori delicati e fruttati
150 gr formaggio Pannerone Lodigiano
Sale
 
Inoltre
Erba cipollina fresca tritata
Parmigiano grattugiato
 
Preparazione
Scaldare il burro in una casseruola capiente e far appassire il porro tritato. Unire il riso e farlo tostare per due minuti avendo cura di mescolare. Sfumare con il vino bianco e farlo evaporare completamente. Unire le pere tagliate a dadini e proseguire la cottura per 20 minuti aggiungendo il brodo bollente a più riprese, quando il precedente si è assorbito.
Levare il risotto dal fuoco e mantecarlo con il Pannerone tagliato a piccoli cubetti e la panna. Lasciare riposare il risotto per qualche minuto e servirlo cosparso di erba cipollina tritata e una spolverata di parmigiano.

-----------------------------------------------
 
Ti garbano i Risotti? Allora leggi anche…

 

N.B. NON AUTORIZZO la pubblicazione delle foto, in alcuno spazio della rete senza preventiva richiesta perché sono protetti dalla legge sul diritto d'autore n.633/1941 e successive modifiche.
Copyright © Laura De Vincentis All Rights Reserved

30 commenti:

  1. non conosco questo formaggio ma il risotto mi attira tanto!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  2. Non conosco quel formaggio.. comunque questo risotto deve essere una vera delizia! smack

    RispondiElimina
  3. Conosco perfettamente questo formaggio, era il preferito dalla mia nonna materna originaria del lodigiano :)
    Hai realizzato un ottimo e squisito risotto.
    Un abbraccio forte.

    RispondiElimina
  4. hai ragione...chi ha tempo, non aspetti tempo! devo cercarlo questo formaggio, ma dubito di trovarlo qui!

    RispondiElimina
  5. Mai sebtito il pannone ma lo cercherò. Una ricetta che mi piace molto. Grazie e un bacio

    RispondiElimina
  6. Un vera bontà questo risotto con un formaggio eccezionale.

    RispondiElimina
  7. una super coccola per questi giorni particolari e difficili, pensa che non c'ero mai stata a norcia, i miei sempre a dirmi vai che è splendida e ogni volta c'era un'altra meta, un imprevisto ecc...e ora non la posso più vedere! un bacione

    RispondiElimina
  8. non conosco questo formaggio ma questo risotto mette un'acquolina incredibile!!! :P

    RispondiElimina
  9. Anche io ho ballato parecchio da agosto ad oggi, non è per niente una bella sensazione. Questo piatto è l'ideale per coccolarsi e scaldarsi :)

    RispondiElimina
  10. Un risotto meraviglioso che rifarò al più presto, adoro i risotti e quello che ci proponi penso sia stellare.Chissà che buon sapore con le pere....io lo faccio anche con le pesche e, devo dire, è di una bontà unica....grazie anche per questa bellissima ricetta e per la bella persona che sei!

    RispondiElimina
  11. sono super curiosa di assaggiare questo risotto deve essere una delizia!

    RispondiElimina
  12. Non conosco il pannerone, ma questo risotto è estremamente goloso e mette una fame.
    Un grosso bacione e a presto.

    RispondiElimina
  13. Parole sante Laura... siamo sempre troppo di fretta e molte volte dovremmo goderci le piccole gioie, questo risotto ad esempio è una di queste, ma lo sai che però questo formaggio non l'ho mai assaggiato? Chissà se lo trovo dalle mie parti... proverò! Baci cara.

    RispondiElimina
  14. Mi hai fatto venire una gran voglia di mangiarlo tutto questo risotto....davvero goloso!

    RispondiElimina
  15. il donne très envie
    bonne soirée

    RispondiElimina
  16. Non conoscevo questo formaggio e mi sembra deliziosissimo cosi' come il tuo riso di cui vado matta! :) bella ricetta.........

    RispondiElimina
  17. non conoscevo questo formaggio...una delizia il tuo risotto!!
    baci

    RispondiElimina
  18. Un piatto davvero gustoso, come dice il vecchio adagio "al contadino non far sapere.." quanto è buono il risotto con formaggio e pere! complimenti. un abbraccio

    RispondiElimina
  19. adoro l'arrivo delle stagioni più fresche per godermi i risotti, segno questo tuo, mi intriga parecchio !

    RispondiElimina
  20. Molto interessante,complimenti!

    RispondiElimina
  21. Ma che meraviglia è questo risotto? Se ne può avere due porzioni per pranzo? :D Buona giornata cara!

    RispondiElimina
  22. Mamma mia cosa vedono i miei occhi! sono le 9 del mattino ma me lo papperei subito! :-P

    RispondiElimina
  23. "Si va sempre troppo di fretta in questa vita e si dà troppo per scontato che le cose, i luoghi e le persone ci siano per sempre"
    Parole sante mia cara,non si dovrebbe mai rimandare ciò che si può fare adesso,ora e in questo istante!!!Anche questa notte il terremoto ci ha sorpreso durante il sonno.Che dire...speriamo che ci lasci in pace è una situazione stancante.In questi giorni siamo indaffarati con dei nostri amici che hanno la casa inagibile,offrendo loro ospitalità e ristoro!Un in bocca a lupo per tutti quelli che si trovano in questa situazione.Forza e coraggio!
    Il tuo risotto riscalderebbe il cuore a molte persone è veramente delizioso!!!!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  24. Questo piatto è ultra goloso e coccoloso...quasi quasi passo da te x cena :-P

    RispondiElimina
  25. Questo risottino è proprio una coccola, dev'essere delizioso, la cremosità del Pannerone Lodigiano poi mi fa venire l'acquolina in bocca.

    RispondiElimina
  26. Già, è proprio vero ciò che dici.. si danno per scontate troppe cose, ci si comporta come se tutto sia a nostra disposizione per sempre, luoghi e persone. Dovremmo godere maggiormente di ogni cosa, viverla nel momento. Questo risotto deve essere di un buono pazzesco, è davvero invitantissimo! Complimenti, un abbraccio e buona serata :) :**

    RispondiElimina
  27. Ottimo risotto per il pannerone mi sto organizzando :).
    Buona serata cara bacione.

    RispondiElimina
  28. un vero peccato per il nostro patrimonio artistico e culturale, speriamo solo che la situazione si plachi. Ottimo il tuo risotto, così cremoso e di sicuro saporitissimo. Un bacione.

    RispondiElimina

I commenti anonimi e quelli della suocera non verranno pubblicati ;)